Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Apparecchio di Wertheim per l'elasticità di trazione_sQuesto apparecchio viene utilizzato per lo studio dell’elasticità di trazione.
Un filo viene stretto ad un capo al morsetto F solidale col sostegno, mentre l’altro capo viene fissato, tramite il morsetto D, ad una gabbia munita di viti calanti H, destinata a ricevere i pesi che devono operare la trazione. Agendo sulle viti si fa in modo che i pesi agiscano poco a poco; allora si assiste all’allungamento del filo e la sua reazione elastica fa equilibrio alla trazione. La relazione che lega le grandezze in gioco col conseguente allungamento è:

 

dove l è l’allungamento che si misura determinando con esattezza la distanza fra due punti T e T’ del filo prima e dopo la trazione; L è la lunghezza del filo, s la sua sezione, P il peso tensore, 1/ν è il coefficiente di allungamento o anche coefficiente di comprimibilità lineare che dipende solo dal materiale costituente il filo e dalle sue condizioni; esso esprime l’allungamento che subisce un filo della lunghezza di 1 m avente sezione di 1 mm2 per effetto della trazione di 1kg. Il numero ν si chiama modulo di elasticità.
La succitata relazione evidenzia che l’allungamento è proporzionale al peso tensore e questa proporzionalità tra deformazione e forza deformatrice (e quindi anche tra deformazione e forza elastica) si verifica sempre purché non si oltrepassi un certo limite.