Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Pompa Aspirante
Consta di un cilindro detto “corpo di tromba” entro cui scorre, per mezzo di un’asta, uno stantuffo munito di valvola V1 che si apre dal basso verso l’alto. Una valvola simile V sta sul fondo del cilindro dove sbocca il tubo di aspirazione che pesca nel serbatoio del liquido. Alla sommità del cilindro è applicato lateralmente il tubo di efflusso.

Lo stantuffo, manovrato da apposita leva, sollevandosi lascia dietro di se una rarefazione ed il liquido nel serbatoio, spinto dalla pressione atmosferica sovrastante, sale nel tubo di aspirazione, apre la valvola V ed entra nel cilindro. Quando lo stantuffo si abbassa la valvola V si chiude e l’acqua compressa apre la valvola V1 e passa al di sopra. sollevando di nuovo lo stantuffo si solleva pure l’acqua che sta al di sopra di esso che esce per il tubo di efflusso.

Il tubo di aspirazione (qualora il liquido sia acqua) teoricamente potrebbe arrivare fino a 10,33 m, essendo la pressione atmosferica capace di fare equilibrio ad una colonna d’acqua alta 10,33 m. In pratica però per l’imperfezione delle valvole, per lo spazio inevitabile che rimane fra lo stantuffo ed il fondo del cilindro (spazio nocivo), per l’aria che è sempre disciolta nell’acqua e che, svolgendosi nel cilindro, esercita una certa pressione sul liquido sottostante, il tubo di aspirazione non può mai essere maggiore di 8 metri.