Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Macchina pneumatica a doppio cilindro
Col crescere della rarefazione cresce la differenza di pressione sulle due facce dello stantuffo, per cui arrivati da un certo punto, per sollevarlo occorre vincere una forza di circa 100 Kg per decimetro quadrato.
Per eliminare questo inconveniente si sono accoppiati due corpi di tromba C e D comunicanti con un unico condotto che va al recipiente. I due stantuffi sono messi in azione da due aste dentate A e B che ingranano con una ruota mossa da una leva. Così la pressione che si esercita su entrambi si compone in una risultante unica alla quale fa equilibrio la resistenza degli appoggi. Il condotto comune ai due cilindri sbocca nel mezzo E del piatto di vetro smerigliato sul quale si adatta, usando un apposito grasso, la campana. Ma prima comunica in F colla provetta che serve ad indicare il grado di rarefazione, ed è un cilindro contenente un barometro troncato, ossia un tubo a U con uno dei rami aperto e l’altro chiuso contenete mercurio. Se si potesse estrarre tutta l’aria dal recipiente il mercurio dovrebbe disporsi allo stesso livello nei due rami; ma ci si deve accontentare della differenza di qualche millimetro.