Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Lente sferica divergente
Una lente sferica divergente è un mezzo trasparente limitato da due superfici levigate di cui almeno una sferica (potendo l’altra essere anche piana) e di spessore minore al centro che ai bordi.
Se lo spessore della lente è trascurabile rispetto al diametro delle superfici sferiche che la delimitano le lenti prendono il nome di “lenti sottili”.

  1. Lente biconcava: se i raggi di curvatura sono uguali in valore assoluto allora la lente si dice “equiconcava”.
  2. Lente piano concava
  3. Menisco divergente

lente_sferica_divergente_b
I raggi paralleli all’asse principale attraversando la lente divergono mentre i prolungamenti di detti raggi si incontrano in un punto F dell’asse detto “fuoco virtuale”.
Una lente divergente possiede due fuochi virtuali situati sull’asse ottico e, se la lente è sottile, simmetrici rispetto al centro ottico.

IMMAGINI FORMATE DA UNA LENTE DIVERGENTE
lente_sferica_divergente_c
Le lenti convergenti producono immagini virtuali diritte e rimpicciolite.

PUNTI CONIUGATI
Ad ogni sorgente puntiforme A di raggi luminosi posta sull’asse ottico corrisponde un unico punto B, anch’esso sull’asse ottico, detto punto coniugato di A. Fra i due punti coniugati sussiste la relazione:



f è preceduta dal segno meno perché il fuoco è virtuale e dalla stessa parte dell’oggetto rispetto alla lente. In questa formula è sempre q < 0 perché l’immagine è in ogni caso virtuale.