Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Interferometro di Quincke
Lo strumento è usato per dimostrare il fenomeno dell’interferenza.
Non potendosi avere due sorgenti sonore assolutamente identiche si fanno pervenire i due suoni da un’unica sorgente.
Il suono di un diapason prodotto in A viene incanalato per cammini di diversa lunghezza e ricongiunto in B prima di arrivare all’ascoltatore. Le vibrazioni che in A erano in concordanza di fase si troveranno in B in opposizione di fase e quindi si elideranno a vicenda. Perché ciò avvenga occorre che la differenza dei cammini percorsi sia uguale a un numero dispari di semilunghezze d’onda, in tal caso in B il suono non si sentirà più.