Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Bottiglia di Leyda
Prende il nome dalla città olandese ove fu adoperata per la prima volta nel 1746, essa si può considerare il più antico dei condensatori.
Ne esistono diverse versioni, la forma classica è costituita da una bottiglia di vetro con le superfici interna ed esterna verniciate con gommalacca. E’ rivestita all’interno ed all’esterno da due lamine di stagnola Li ed Le che costituiscono le armature del condensatore, mentre il vetro è il dielettrico. Un’asta metallica, passando attraverso un tappo isolante, è in contatto con l’armatura interna, mentre quella esterna è in contatto con il suolo.
Fra le armature di una bottiglia di Leyda si possono stabilire differenze di potenziale dell’ordine di alcune decine di migliaia di volt.