Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Oscillatore di Tesla
L’autoinduzione L del circuito oscillante CHLs, composta da poche e grosse spire, funziona da primario di un trasformatore che viene chiamato trasformatore di Tesla. Il secondario è costituito da una bobina S formata da un numero molto grande di spire di filo isolato sottilissimo, avvolte in un solo strato sopra un cilindro isolante (spirale di Seibt).
Il rocchetto carica il condensatore C del circuito oscillante finché nello spinterometro s scocca la scintilla che produce una scarica oscillante. Grazie all’elevato fattore di trasformazione del trasformatore di Tesla, nella spirale di Seibt si producono correnti indotte di altissima frequenza e tensioni molto elevate; di conseguenza lo spazio che circonda LS diventa sede di un intenso campo elettromagnetico.
Esperienza 1: se un estremo del secondario S è collegato a terra, sull’altro estremo si vede comparire una macchia luminosa simile ad una fiamma.
Esperienza 2: tenendo nella mano un elettrodo di un tubo a gas rarefatto (Geissler o Plucker) e avvicinando l’altro elettrodo al polo del trasformatore il tubo si illumina vivamente.
Esperienza 3: una lampadina inserita in un circuito costituito da una sola spira e portata in vicinanza di S si accende.