Chiudi

Questo sito utilizza solo cookie tecnici per garantire una migliore navigazione.
Leggi qui per maggiori dettagli.

Specchio sferico convesso
Col nome di specchio sferico si intende una superficie speculare a forma di calotta sferica di centro C e raggio r. Il centro di simmetria della calotta è indicato dal vertice V. Si chiama asse ottico dello specchio sferico la retta passante per C e per V. Nel caso dello specchio convesso le grandezze r, s’, ed f sono negative.
Si consideri il punto oggetto P posto ad una distanza s dal vertice. Se si traccia nel punto di incidenza H la normale alla superficie dello specchio, la legge della riflessione consente di stabilire la direzione del raggio riflesso; il prolungamento di tale raggio dà, sull’asse ottico, l’immagine P’ virtuale di P.
specchio_sferico_convesso_b
Nel caso in cui i raggi incidenti siano paralleli all’asse ottico (oggetto all’infinito), il fascio collimato verrà trasformato in un fascio divergente. I prolungamenti virtuali dei raggi riflessi si incontrano nel fuoco dello specchio.
L’immagine data da uno specchio convesso di un oggetto esteso posto a distanza finita dal vertice è sempre virtuale e diritta (data dall’intersezione dei raggi 1 e 2) e G sarà sempre minore di 1.